Eros and Art: Definizione

mar 24 maggio 2016, Ore 09:54

Condividi

Tag: fatti erotici, arte, eros, erotica, erotismo

Chi contempla l'opera d'arte esce da sé per vivere l'esperienza dell'opera solo apparentemente, in realtà è l'opera stessa con la sua bellezza che lo mette in contatto con la sua vera natura, con l'anima che è in lui.

Plotino

Eros and Art racconta, cerca, indaga il duplice legame tra arte e erotismo. Da una parte l’arte erotica (arte verso erotismo) che ritrae, narra “fatti erotici” o che richiamano in qualche modo all’erotismo.

Dall’altra l’erotismo verso l’arte, intesa come opera d’arte che per bellezza e potenza provoca in colui che l’ammira una forte emozione di attrazione, desiderio, ammirazione, immedesimazione. Assimilabile quasi alla sindrome di Stendhal, quell’affezione che prende i soggetti messi al cospetto di opere d'arte di straordinaria bellezza. Il nome di questa sindrome è attribuito allo scrittore francese Stendhal, che ne fu personalmente colpito durante il suo Grand Tour effettuato nel 1817,

« Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati. Uscendo da Santa Croce, ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere. »

Tratto da Roma, Napoli e Firenze - Stendhal

Quanto all’arte erotica essa si manifesta sin dai tempi antichi con la rappresentazione della nudità, in raffigurazioni come quelle della Venere di Milo o delle divinità della fertilità sulle pareti delle grotte preistoriche, che costituiscono la prova di questo interesse archetipico.

La scoperta dell'arte erotica di Pompei e Ercolano, datata 79 d.C. e venuta alla luce 1700 anni più tardi, scioccò la civiltà puritana e moralista settecentesca europea, come racconta lo studioso C.W. Ceram in Civiltà sepolte. Quando i primi reperti di questo tipo cominciarono ad emergere il re Carlo di Borbone - traumatizzato dalla vista di un satiro che sodomizzava una capra - inviò immediatamente tutte quelle opere a Roma per farvele "rinchiudere". I professori britannici dell'era vittoriana ebbero reazioni del tutto simili e preferivano non mostrare agli studenti le statue nude greco-romane, per non correre il rischio di "pervertirli".

Certo è che l'erotismo può esplicitarsi in forme e attività non direttamente connesse al suo appagamento concreto, ovvero mediante l'immaginazione, la fantasia, la realizzazione di veri e propri prodotti artistici o intellettuali, come la fotografia, la letteratura, il cinema, la pittura, la scultura, il design, la pubblicità. Così l’arte erotica si è espressa coerentemente in tutte le culture e in tutte le epoche storiche, dall'uomo delle caverne a quello d'oggi.

Invia un Commento

ACCEDI (sono già registrato)